Insight

Nuovo credito d’imposta

Il credito d’imposta è un concetto “general purpose” nell’ampio panorama degli strumenti per il recupero fiscale

Il credito d’imposta è un concetto “general purpose” nell’ampio panorama degli strumenti per il recupero fiscale: spazia da quanto riferibile alle sanificazioni (Covid-19) agli ammortamenti per beni strumentali, dai dividendi agli aumenti di capitale, arrivando alla formazione qualora riferita alle cosiddette tecnologie “4.0” (Intelligenza artificiale, realtà virtuale/ aumentata, machine learning, …).

Nella pratica aziendale, tuttavia, uno tra gli strumenti più “gettonati” è stato ed è tutt’oggi il beneficio fiscale derivabile dagli investimenti in Ricerca & Sviluppo.

Le fonti governative ufficiali, attraverso il MISE, lo perimetrano in modo sintetico ma alquanto efficace: “… la misura si pone l’obiettivo di stimolare la spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione tecnologica per sostenere la competitività delle imprese e per favorirne i processi di transizione digitale …

Nel corso dell’ultimo quinquennio i fattori discriminanti in termini di recupero si sono variamente spostati dalla qualifica alla natura del personale impiegato: si è fatta distinzione tra laureati in discipline tecnico-scientifiche e non, piuttosto che tra personale dipendente (capace in potenza di mantenere know-how in azienda) ed esterno (meno premiante, in logica di dispersione potenziale di conoscenza). Naturalmente non hanno beneficiato di recupero soltanto i costi di personale: sono stati agevolati i rapporti contrattuali con università e centri di ricerca, con medesima logica sono stati incoraggiati investimenti in privative industriali e l’acquisto di beni direttamente riferibili ad R&D.

Il termine di riferimento per il conteggio è stato infine basato sul cosiddetto “investimento incrementale”, ovverosia sulla capacità aziendale di incrementare i propri investimenti in corso di esercizio rispetto ad una media triennale prestabilita (2012-2014). Il risultato finale consisteva in un recupero variabile tra il 25% ed il 50% rispetto a tale incremento.

Complice forse una congiuntura economica non eccessivamente favorevole, oggi i meccanismi di incentivo sono profondamente variati sia nelle modalità di calcolo che nella dotazione finanziaria complessiva: da un lato è stato concesso alle aziende di conteggiare gli investimenti assoluti, dall’altro è stata imposta una forte differenziazione di contributo in ragione della natura delle attività di R&S.

A partire dal 2020 si deve pertanto ragionare in duplice ottica: Attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico su di un versante; innovazione tecnologica (ma anche design e ideazione estetica), finalizzata alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati sull’altro. Le prime  beneficiano di aliquote fino al 12% sugli investimenti effettuati, le seconde non superano il 6%. Il concetto di base premia ovviamente la “distanza” che separa gli investimenti dalla messa sul Mercato e relativo ritorno.

Appare oggi più che mai difficile, anche per grandi corporate, ottenere un’agevolazione apprezzabile in rapporto allo sforzo effettuato. Concorre infatti al trade-off costi-benefici il rischio di non riuscire a concretizzare il know-how acquisito: in altri termini vi è la possibilità che la conoscenza capitalizzata non sia traducibile in opportunità di business, per lo meno non in misura e in tempi accettabili.

Il Gruppo SCAI compensa questa complessa congiuntura differenziando non soltanto la natura ma anche le modalità di investimento: il credito di imposta si coniuga così con meccanismi già rodati di cofinanziamento per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale (regionale, nazionale ed europeo), ad incrementare non soltanto l’agevolazione economica complessiva ma anche la capitalizzazione di expertise, i domini di applicazione delle nuove tecnologie, il partenariato raggiungibile.

Particolare attenzione viene altrettanto riposta nell’utilizzo ragionato dei fondi disponibili per la promozione di ulteriori fattori di competitività (formazione e non solo), rispettando il giusto compromesso tra priorità del gruppo e limiti strutturali imposti dalle norme nazionali sulla concorrenza, come il noto “de minimis”.  

Scai s.p.a. Leader in innovazione digitale
Progettiamo soluzioni ed esperienze ICT che migliorano la vita delle persone. Creiamo opportunità e nuove sfide per innovare i processi, le tecnologie e le strutture.
Key Contact
Andrea Stirpe
Scai s.p.a. Leader in innovazione digitale
Scopri il Gruppo Scai
Chi Siamo
Loading…
Loading…

Notizie Correlate

28/07/2021
Loading…