Uova di Pasqua senza cioccolato: 5 Easter Egg dal mondo Tech

Siete mai stati a caccia di Uova di Pasqua?
Se avete festeggiato almeno una volta questa ricorrenza negli States, in Germania in Inghilterra, è possibile che vi sia capitato: la tradizione vuole che, anziché semplicemente scambiarsi le uova, le sorprese siano da guadagnare con una caccia al tesoro. A questa divertente attività allude il termine Easter Egg (letteralmente Uovo di Pasqua), termine che è stato mutuato dall’informatica e rappresenta un contenuto nascosto – in genere bizzarro – che progettisti e sviluppatori celano nei loro prodotti software.

La storia degli Easter Egg va di pari passo con quella della tecnologia. Sembra incredibile la scelta di investire tempo e risorse in qualcosa che le persone potrebbero non vedere. Eppure la meccanica della sorpresa non premia solo l’utente: metodi creativi per un’user experience più coinvolgente permettono di rendere memorabile, condiviso e, in alcuni casi, virale il messaggio del brand.

Giocare è una cosa seria e quest’anno anche noi vogliamo approfittare della Pasqua per proporvi una caccia agli Easter Egg: abbiamo selezionato i nostri preferiti.

Un gatto da accudire nascosto nello Smartphone

Ogni versione di Android che viene rilasciata ha il suo personale Easter Egg. Per la versione Android 11, una delle più recenti, si attiva in pochi passi e regala compagnia digitale nel proprio smartphone.
Per sbloccare la sorpresa basta andare su impostazioni > informazioni sul telefono > versione di Android, per poi cliccare ripetutamente sul numero 11.

Nell’immagine che compare, occorre ruotare il punto bianco in senso orario finchè non compare un 11 arancione e, subito sotto, l’emoji di un gatto. Premendo poi il tasto di accensione, l’emoji comparirà in controllo dei dispositivi e consentirà di accedere ai propri cat controls: water bubbler, food bowl e toy, rispettivamente per far bere, mangiare e giocare il proprio piccolo ospite.

L’easter Egg del primo Windows

L’hanno trovato nascosto in un file bitmap raffigurante uno smiley e include i nomi degli sviluppatori che hanno lavorato all’OS: si tratta del primissimo Easter Egg di Windows. Rispetto alle altre sorprese viste finora, per trovare questa non bastava aprire l’immagine o comporre una sequenza di tasti, ma estrarla da un file eseguibile con una procedura complessa che solo una nicchia di utenti padroneggiava.

Dinosauri da passerella sul sito di Vogue

C’è stato un momento in cui il sito di Vogue era assediato da Velociraptor in abiti fashion. Nel 2013, accedendo alla homepage e utilizzando il Konami Code (digitando quindi su, su, giù, giù, sinistra, destra, sinistra, destra, B, A il più velocemente possibile) si assisteva ad una sfilata di dinosauri agghindati a festa.

Centinaia di altri siti Web hanno in passato investito tempo e risorse per riportare sorprese sbloccabili con il Konami code: addirittura un portale dedicato ne proponeva l’elenco.

Da Chrome, la soluzione alla noia offline

Quello di Vogue non è l’unico Easter Egg a tema dinosauri: una chicca ormai celebre di Chrome regala la compagnia di un velociraptor ogni volta che il PC è offline: basta premere la barra spaziatrice per attivare Dino T-Rex Runner Game e guadagnare punti in attesa del Wi-Fi.

Apple sorprende con la Realtà Aumentata

Per l’evento Peek Performance, l’invito di Apple nascondeva una sorpresa speciale in Realtà Aumentata. Raggiungendo la pagina Eventi Apple e tappando sul logo era possibile proiettare la celebre mela nel proprio salotto, ridimensionandola a piacere. (Il Gruppo SCAI ha lanciato il suo Easter Egg fuori stagione per festeggiare lo scorso Natale). Su Twitter, invece, era attivo l’hashflag con il logo colorato all’utilizzo dell’hashtag #AppleEvent.

Buona Caccia!

Gli Easter Egg che si possono trovare sul web sono impossibili da contare. Abbiamo condiviso questa selezione come pretesto per invitarvi a scovarne altri e, perché no, inserirne uno sul vostro portale…

ETT S.p.A. Digital Strategy & Design
ETT crea esperienze uniche integrando design, storytelling e tecnologia all’avanguardia, per creare connessioni tra luoghi e persone attraverso esperienze immersive. Progetta sistemi di informazione, crea e gestisce grandi quantità di dati provenienti da fonti complesse.
Key Contact
Marta Mantero
Marketing Manager
ETT S.p.A. Digital Strategy & Design
Scopri come ETT ha rivoluzionato l’esperienza di visita di Musei e Attrazioni Commerciali e Culturali, attraverso lo sviluppo di Strategie Digitali innovative
Info
16/05/2022
Leggi di più
Loading…